Lotta per la Fiducia

LOTTA PER LA FIDUCIA

libri :
“Cinque chiavi per il Futuro” di Howard Gardner
“Decisioni” di Hammond-Keeney-Raiffa
“Lavorare con Intelligenza Emotiva” di Daniel Goleman

film :
“La Ricerca della Felicità” di Gabriele Muccino
“La Grande Scommessa” di Adam McKay

musica :
“Il Gatto e la Volpe” di Edoardo Bennato
“Baby Fiducia” degli Afterhours

commento : Fiducia SIoNO

“Fidati di me!!”…“Puoi fidarti!”…”Te lo posso garantire”…”Ho sentito dire che..”…”Date una garanzia?”…”Siamo assicurati!”..ecc ecc ecc ecc
Quante volte vogliamo e vorremmo sia avere che poter dare una garanzia. Già. Ho pensato di attivare un nuovo servizio che sarà senz’ombra di dubbio il business di questo inizio secolo :
– LA COMPRA-VENDITA DELLA FIDUCIA –
Non sto scherzando, i lavori sono già avviati da qualche tempo, si tratta solo di convincere tutti gli investitori ed il gioco è fatto!
Può sembrare una sintesi un po’ forzata ma non dista di molto da tante altre iniziative nei settori più disparati.
Quasi tutta l’attvita imprenditoriale si basa e si alimenta attraverso un principio di fiducia.
Fiducia in se stessi anzitutto, e nonostante tutto (errori, mazzate, fregature, burocrazie, qualche sfighetta e diverse disattenzioni); ma anche fiducia che l’altro ci possa capire e comprendere, che possa darci fiducia, che creda nella bontà dei nostri propositi, che ne veda la luce e la benevolenza, che abbia risorse di tempo e di denaro per confermarci la fiducia che andiamo a chiedere, che in qualche modo vendiamo e talvolta regaliamo; e poi, poi, c’è la fiducia che le cose vadano bene una volta che abbiamo passato la palla, che il nostro “compagno di squadra”, chiunque esso sia e qualunque ruolo ricopra nella relazione con noi, non sbagli nulla, non complichi le cose, fiducia che le cose non siano di per se già complicate; ed una volta compiuto bene il nostro lavoro resta anche l’ultima e oramai costante grande incognita, si sì, proprio quella, che finalmente dopo tutto il lavoro svolto e condiviso il nostro sforzo venga giustamente ricompensato.

Sciak!! Ho pestato una bella “M” vero?!!?
È già partito il nastro?
Siete già andati mentalmente ed emotivamente (e spero proprio non fisicamente) a prendere il lanciafiamme??

Siamo tutti vittime e tutti carnefici in qualche senso, il meccanismo si è grippato e dobbiamo imparare ad oliarlo ex-novo con nuovi lubrificanti, più performanti, sennò l’attrito ci inchioderà lì dove siamo ora.

Ecco una delle sfide quotidiane che personalmente mi trovo ad affrontare talvolta da una angolazione e talaltra da altri punti di osservazione di questa dinamica.
E capita a molti se non a tutti il doversi domandare costantemente se ciò che stiamo facendo, ascoltando, accettando e proponendo ha le gambe per reggersi, per camminare e magari correre e saltare.
Magari non servono esempi, ognuno ne ha alcuni, nel dubbio tuttavia mi va di citare due situazioni parallele e contemporanee nella stessa dinamica di relazione.

– Tizio A che propone qualcosa a Tizio B –

A :
Dopo avere chiamato al telefono presso gli uffici dell’azienda di B, che non è riuscito a sentire direttamente poiché troppo impegnato, riesce a fissare un appuntamento a 80Km di distanza nella vicina e caotica città.

ELENCO DEI DUBBI :
È l’azienda giusta?
Mi sono spiegato bene al telefono?
Mi avrà capito bene la persona che ha risposto?
Avrà riportato correttamente le informazioni preliminari?
A distanza di 4-5 giorni, B, non cambierà la propria agenda?
Non avrà un impegno improvviso?
Mi dedicherà il giusto tempo?
Gli servirà ciò che proporrò?
Avrà denaro da investire?
Una volta intrapresa una qualsiasi attività, la porterà a termine?
Una volta conquistata la benevolenza di B sarà poi fatto bene il lavoro dai miei colleghi/partners?
Con quali tempi?
B ne sarà soddisfatto?
Pagherà?
Con quali tempi?

B :
Dopo che A ha chiamato/scritto in azienda, ed è per B l’ennesimo venditore o consulente, dei quali ritiene c’è ne siano fin troppi in circolazione, ma con i quali è comunque utile e talvolta indispensabile confrontarsi per poter sapere cosa offre il mercato, e visto che A è riuscito a fissare un appuntamento presso la sua azienda…

ELENCO DEI DUBBI :
È l’azienda giusta per la mia attività?
A è la persona giusta?
Risolverà qualche mio problema?
Si sarà spiegato bene al telefono?
Quali sono le sue reali intenzioni?
Avrà capito bene la persona che ha risposto per me?
Avrà riportato correttamente le informazioni preliminari?
Il giorno fissato avrò tempo da dedicare?
Potrei avere un impegno improvviso?
A mi porterà via solo del tempo prezioso?
Mi potrà servire ciò che propone?
Se fosse qualcosa di utile avrò poi il denaro che serve?
Investirò bene il mio denaro?
Una volta intrapresa una qualsiasi attività, A la saprà portare a termine?
Sara fatto bene il lavoro?
Con quali tempi?
Io ne sarà soddisfatto?
Avrò migliorato effettivamente la mia situazione ?
In quali tempi?

Ecc ecc ecc ecc, e questo è solo un esempio…

Forse è sempre stato così e forse no, sembra tuttavia che ci sia sempre poco tempo ed ancora meno risorse, ma probabilmente in molti casi in realtà è solo cambiata la percezione della relazione.
Tutti vogliamo tutto e subito, lo vogliamo fatto bene e senza intoppi, siamo diventati un po’ più più sfiduciati, ogni tanto pure pessimisti. Da cosa dipende? Alla fine sempre e comunque da noi, dalle nostre capacità che devono adeguarsi ai tempi che corrono, che cambiano e ci obbligano a cambiare.

Ricetta : Una buona organizzazione del tempo e delle risorse, costante apertura al dialogo, aumentare l’abilità nel trasformare ogni situazione pensando non solo a se stessi, portare rispetto per l’altro, rispetto per le differenze di età, di estrazione, dei modi di dire-fare-essere-comunicarsi-sapere-tempi, capire che l’altro è lì per me così come io lo sono per l’altro, stabilire chi è meglio di noi, imparare da chi è meglio, imparare anche da chi non lo è, nutrire la speranza che pure un pizzico di fortuna sia per noi, credere che essa sia una certezza, restituire sempre qualcosa, assicurarsi che l’altro ne goda, essere onesti con sè e con l’altro, ringraziare interiormente e possibilmente esteriormente, creare la condizione di complicità e collaborazione nella relazione, continuare a “giocare”, rinunciare ai pregiudizi, alle vecchie abitudini, ed essere sufficientemente curiosi da adottarne di nuove … per il resto..

Mi occupo di consulenza strategica, prima cognitiva e poi tecnica. Chiedimi come fare per …

Alessio Micheli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *